La Bibbia a prima vista
Giugno 2003

 

la bible 
  Lo Spirito soffia dove vuole
 

PARTENIA

Lettere

Diario

La Bibbia

Rassegna retrospettiva

Archivio

Storia

Edzione speciale

Link

E-mail

 

Lo Spirito soffia dove vuole

Da due anni, nella "Bibbia a prima vista", sono proposte delle letture di testi biblici. Queste letture provengono il più frequentemente da gruppi o da persone della base e sono scelte per la loro forza di approfondimento dei testi e per l'apertura di significato che esse apportano.

La convinzione dell'équipe che lavora a questa "Bibbia a prima vista" è che è lo Spirito che fa capire l'insegnamento di Gesù e che dà senso alle azioni che ha determinato. "Quando verrà, lui, lo Spirito di verità, vi condurrà verso l'intera verità (Gv 16, 13)."

L'Esprit habite toute personne Lo Spirito abita in ogni persona. Nessuno ne ha il monopolio. E' grazie alla diversità di comprensione che si può tendere alla verità. Il Vangelo non ha finito di svelare tutto il suo significato. Bisogna ancora liberare il suo soffio dall'ammasso delle interpretazioni tuttofare.  

Nel Vangelo c'è dell'inedito e dell'imprevisto. Dobbiamo lasciarlo sgorgare. Non si può sostituire questo soffio con delle prescrizioni o delle norme. "Dato che il Vangelo dice ciò, allora voi dovete comportarvi di conseguenza". Di sicuro un tale utilizzo del Vangelo, più comodo per l'istituzione, ostacola la sua forza comunicativa. Più rischioso, così come restare passivo e sottomesso, il soffio del Vangelo conduce là dove non si era pensato di andare. Cosa fa Gesù nei confronti delle persone che incontra? Non dà delle norme concrete. Allarga il loro orizzonte. Dà loro fiducia ed apre la loro libertà d'azione: Va'.

In questo periodo, in cui si festeggia la Pentecoste, crediamo abbastanza che lo Spirito parli a ciascuno e ciascuna, rendendoli capaci di farsi capire dagli altri? "Tutti furono allora pieni di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, a seconda di come lo Spirito dava loro la capacità di esprimersi (Atti 2, 4)".  Si raggiunge l'altro quando si è capaci di parlare la sua lingua. Non esisterebbe forse una lingua madre comune all'umanità?

fête de la Pentecôte

Quando si raggiunge l'altro nella sua profondità e ci si lascia toccare da lui, si comunica completamente. Siamo sulla stessa lunghezza d'onda, quella della domanda fondamentale: chi è l'Uomo? Chi è Dio? Qual è il senso dell'esistenza? Soltanto insieme ad altre persone, completamente diverse da noi, è possibile approfondire queste questioni esistenziali.
L'apostolo Pietro fu il primo sorpreso di accorgersi che lui ed i suoi non avevano il monopolio dello Spirito e che esso era diffuso anche in coloro che egli considerava come dei pagani (Atti 10, 11). Dovendo giustificarsi davanti ai suoi compagni di averli battezzati senza tante formalità, spiegò: "Se Dio ha accordato loro lo stesso dono che a noi (…), chi ero io per ostacolare di Dio? (Atti 11, 17)".

voire l'audace L'assicurazione che lo Spirito è diffuso in ciascuno e ciascuna dà fiducia ed apre la responsabilità e persino l'audacia.  

Ciò non impedirà di sbagliarsi, ma non è così grave, nella misura in cui si rimane recettivi allo Spirito presente in sé come negli altri.
Forti di questa convinzione noi apriamo la Bibbia a tutti ed a tutte, affinché insieme possiamo beneficiare della sua luce.